sport&role 01 aprile Montecchio

 

logo SPORT&ROLL+gis (1)

File_000 File_001

Sabato 01 aprile ore 11.00 presso l’ IT Silvio d’Arzo di Montecchio ultimo incontro plenario aperto a tutta la cittadinanza a conclusione del percorso: un confronto con gli atleti paralimpici Massimo Croci e Giovanni Bertani sarà il cuore della mattina. Il racconto della loro esperienza di vita e la proiezione di video sulle loro performance sportive serviranno per stuzzicare la curiosità dei ragazzi stimolando in loro domande e riflessioni.

Sport&Role ha l’obiettivo di sensibilizzare ed educare gli adolescenti ad una cultura dell’inclusione attraverso l’attività motoria, svolta sia a scuola che in collaborazione con le società sportive del territorio.

Lo sport come veicolo di inclusione e soprattutto un modo per gli adolescenti per sperimentarsi nel superare i propri limiti fisici e culturali e imparare reciprocamente e in gruppo a superare le sfide che la pratica sportiva inevitabilmente pone innanzi a ciascuno.

Queste le parole chiave:

Sapere: imparare a condividere le difficoltà dei propri compagni di classe con disabilità, mettendosi nei loro panni nello svolgere l’attività motoria

Saper fare: individuare nuove modalità di svolgimento dell’attività motoria volta ad essere maggiormente inclusiva e favorire così la partecipazione di tutti, aldilà delle singole capacità  

Saper essere: diventare più sensibili e consapevoli delle barriere che ragazzi con disabilità devono affrontare e aumentare la capacità di accoglienza e di presa di coscienza del proprio ruolo come promotori di una cultura inclusiva e promotori del benessere delle proprie comunità

Saper stare: diventare peer tutor durante gli inserimenti di disabili nelle società con la supervisione di esperti e/o educatori che facciano da “mediatori” con allenatore e squadra

Al progetto hanno partecipato quattro classi dell’IT Silvio d’Arzo di Montecchio.

Formatori: Stefania Ferri e Tristina Redeghieri Coop Sociale Accaparlante Onlus

Ringraziamento alla dirigente prof.ssa Maria Sala IT Silvio d’Arzo aver accolto e condiviso da subito il progetto.

.